Cos’è l’ipnosi ?

 
  • 38812035 Psichiatra Femminile Hypnotizing Paziente Disteso Sul Divano Archivio Fotografico

Tratto dalla tesi di laurea : “Ipnosi e motivazione quali strumenti di cambiamento”

Dott.ssa Maria Rita Guadagni

L’ipnosi è una condizione di coscienza naturale, reversibile, simile al sonno, ma per altri aspetti assai vicina allo stato di veglia e con possibilità di ridotto influenzamento da agenti esterni. Essa può essere provocata, favorita o mantenuta mediante processi di suggestione associati a determinate pratiche percettive e/o motorie.

Si tratta di un livello di attività mentale particolare, di un vero e proprio stato di coscienza, nel quale la persona ipnotizzata è coinvolta in un rapporto interpersonale molto stretto e coerente con il suo ipnotizzatore. In questa condizione diventa infatti più facile accettare le rappresentazioni mentali proposte dall’operatore, mantenendo centrata su di esse la propria attenzione, conscia ed inconscia, arrivando addirittura a manifestare una forma di dissociazione psichica.

A livello psicoterapeutico nell’ipnosi si combinano un buon numero di elementi utili:

  • sfogo, 
  • abreazione
  • persuasione
  • illuminazione e soprattutto, un aumento della suggestionabilità, tale da rende il paziente capace di rompere il blocco emozionale di certe funzioni.

Grazie alla scoperta della specializzazione della lateralità emisferica, l’ipnosi stessa sarebbe in rapporto con l’attivazione dell’emisfero cerebrale non dominante, il destro, nella maggioranza dei casi. Questo stesso emisfero costituirebbe inoltre, e questo sembra oramai dimostrato, la sede della spazialità, della musica, della creatività e della fantasia nonché della cosiddetta mente inconscia.

A livello neuro dinamico, l’unicità dell’Io nei vari stati di veglia, sonno, sogni o ipnosi, si manifesterebbe con una sorta di specializzazione temporale per cui, durante il giorno avremmo il prevalere dell’Io logico con una attività che si estenderebbe, dal sistema Rinencefalo -diencefalo -mesencefalo verso l’emisfero sinistro.

Si avrebbe così l’Io cosciente o, per usare un termine cibernetico, l’Io logico, numerico. Durante la notte o, meglio, durante il sonno REM o durante l’ipnosi, dalle strutture del sistema Rinencefalo -diencefalo -mesencefalo emergerebbe invece, verso l’emisfero destro, lo stesso Io; che però, a questo punto, oltre ad essere carico di memorie emozionali, da agire in un dreamy state (sogno vero e proprio o ipnosi), possederebbe peculiari qualità gestaltiche, geometriche, visuo-spaziali: o, per usare la terminologia cibernetica, emergerebbe l’Io analogico.

L’ipnosi può essere considerata un utilissimo strumento di lavoro che nella cassetta degli attrezzi dello psicologo può produrre i desiderati cambiamenti.

Grazie ad essa possiamo ristrutturare episodi importanti della nostra vita e creare un presente molto più felice e desiderabile.

Ricordiamo in particolare l utilizzo dell’ipnosi in:

  • Odontoiatria sia per il controllo del dolore nel caso in cui il paziente non possa essere sottoposto ad analgesia sia per il controllo fobico della paura del dentista .
  • In Ostetricia e Ginecologia ( controllo e gestione del dolore ) 
  • Dermatologia ( riduzione e gestione di eruzioni cutanee su base psicogena, malattie psicosomatiche tipo herpes e o psoriasi) 
  • Pneumologia 
  • Immunologia
  • Ustioni 
  • Gestione di ansia e stress 
  • Risoluzione di fobie e attacchi di panico 
  • Problematiche sessuali ( vaginismo /impotenza)
  • Pratiche sportive per aumentarne la performance 
  • Creatività e pubblicità in genere 

Un’ osservazione particolare può essere rivolta al termine ipnosi regressiva grazie alla quale possiamo accedere facilmente non solo al nostro passato recente ma al meraviglioso ed affascinante modo delle vite passate. 

Interessante la storia di Ilaria che da anni soffriva di tremende cervicalgie resisteni a qualsiasi trattamento farmacologico.

Nonostante avesse eseguito tutti gli accertamenti del caso, nessun esame strumentale giustificava i violenti attacchi di cefalea e mal di collo che la costringevano a rimanere al buio, sdraiata per ore intere prima di poter riacquisire il benessere.

Decide quindi di utilizzare l’ipnosi per risolvere il suo forte disagio e durante una seduta di ipnosi regressiva Ilaria rivede il suo giovano corpo di soldato romano che viene impiccato. 

Sfortunatamente per Dario ( era il suo nome di allora ) la morte per asfissia non sopraggiunge così velocemente in quanto il ceppo su cui era stato posizionato il suo corpo era più basso del previsto  e  quindi il corpo di Dario non subisce lo scatto terribile che ne avrebbe determinato la morte quasi istantanea ma rimane a penzoloni per parecchi minuti prima di soffocare. Rivive quindi il terribile momento  e il fortissimo dolore al collo. Dopo la seduta di ipnosi regressiva la paziente, a distanza di due anni, non ha più avuto nessun episodio di mal di collo e di mal di testa. 

Testimonianze

 

IPNOSI IN ODONTOIATRIA !!!!!

Paura /Fobia del dentista ? UN AIUTO CONCRETO  DALL’IPNOSI

Hai così paura del dentista che la tua bocca è inguardabile ? Il tuo sorriso e la qualità della tua vita sono compromessi da quella terribile paura che ti impedisce di  recarti dal dentista ? Tranquillo,rilassati, respira,esistono  efficaci strategie che ti permetteranno  di superare la paura del dentista.

Devi sapere che sei una persona “normale”come il  il 75% dei pazienti che si rivolgono al dentista,fai parte di  quel  20%  che riporta sintomi somatici e di  quel 15% che ha  l’ansia. Questa è una condizione che non aiuta nemmeno il lavoro del dentista però, ed è per questo che i MEDICI DENTISTI più SENSIBILI E ATTENTI AI BISOGNI DEI PAZIENTI  utilizzano strumenti  e tecniche per aiutare i loro pazienti ad essere rilassati e tranquilli.

Nel centro Odontokinesologico “Posturaok.it” oltre alle  più  moderne tecniche strumentali, lo staff odontoiatrico è supportato da psicologi che grazie all’utilizzo dell’IPNOSI consentono un naturale rilassamento  permettendo  al paziente di affrontare qualsiasi  cura e /o prestazione.

La fobia del dentista, non è un problema solo per chi si trova seduto sulla poltrona hi-tech del medico dentista : è un fattore disturbante anche per il dentista stesso, che rischia di ‘assorbire’ le energie negative trasferitegli inconsciamente dal paziente, innescando un circolo vizioso che penalizza entrambi.

Da qui i benefici dell’ipnosi, “uno stato di rilassamento, UNO STATO ALTERATO DI COSCIENZA come  – ricorda Stephan Eitner, dentista e presidente della Società tedesca di ipnosi e ipnoterapia (Dgh) – in cui l’attenzione di una persona non è rivolta a ciò che sta all’esterno, bensì all’interno, al suo mondo personale ed unico.

Per entrare in questa dimensione parallela ‘impermeabile’ all’incubo del dentista, il paziente intraprende un percorso guidato dall’esperto con l’aiuto di suggestioni verbali, musiche e immagini rilassanti.

ADESSO anche tu, PUOI CURARTI, con serenità e rilassatezza.

Testimonianze